La Storia di Pinocchio

La potete leggere anche sul nostro Blog!

Fu Pinocchio, da piccino.

Venne al mondo lì per lì.

Nacque da un ramo di pino,

che Geppetto ben scolpì.

Falegname molto esperto,

lo formò bel burattino.

Non pensava mai, di certo,

che sarebbe, poi, bambino.

Ma una Fata buona e bella,

dai capelli azzurro cielo,

gli ha donato la favella

l’ha coperto col suo velo.

Ed allora ha avuto mani,

gambe e cuore e movimenti.

Ha provato nuovi e strani,

commoventi sentimenti.

Non ascolta la saggezza

di quel buon grillo parlante;

lo minaccia con asprezza:

per lui è troppo petulante!

Così, assai disubbidiente,

bricconcello e malandrino,

è tornato, in men che niente,

per incanto, burattino.

Perdonato, per amore,

dalla Fata e da Geppetto,

ha riavuto anima e cuore,

ma insistito ha nel dispetto.

Ha incontrato Mangiafuoco,

Gatto, Volpe e gli zecchini.

È s’è dato tutto al gioco,

ove i ciuchi son bambini.

Tra bugie, sospiri, pianti,

somarello diventato,

ha deluso, ancor più avanti,

chi l’avea già perdonato.

Ed il babbo, poverino

l’ha cercato in tutto il mondo.

È partito un bel mattino

per l’Americhe, là in fondo.

Poi c’è stata la balena,

tanto fumo e uno… starnuto.

Or Pinocchio si dimena,

nuovo bimbo è divenuto.

La promessa è presto fatta:

sarà buono ed ubbidiente.

Vuoi la storia intera e intatta?

C’è Collodi, per docente!

Lido Pacciardi – 21/03/2011

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...